Vuoi presentare una denuncia contro un’istituzione o un organismo dell’UE?

Cerca indagini

Caso
Data
Parole chiavi
Oppure prova vecchie parole chiave (prima del 2016)

Visualizzazione 1 - 20 di 265 risultati

Decision on the time taken by the European Commission to handle an appeal concerning the decision to apply a ‘medical reserve’ on a newly recruited staff member (case 1609/2021/VS)

Venerdì | 15 luglio 2022

The case concerned the time taken by the European Commission to deal with an appeal concerning its decision to apply a ‘medical reserve’ on a newly recruited staff member.

The Ombudsman wrote to the Commission reminding it that principles of good administration require EU institutions to take decisions within a reasonable time frame and that this is particularly important when the decision is related to the health of the person concerned and to social security cover.

Following updates from the Commission and the complainant showing that the Commission took a final decision on the appeal in March 2022, the Ombudsman closed the inquiry with the conclusion that the substantive matter has been settled. The Ombudsman expects the Commission in future to handle similar procedures in a timely manner.

 

Decisione sul trattamento da parte del Parlamento europeo delle domande di tirocinio di una persona dislessica che aveva richiesto l’applicazione di condizioni speciali (caso 179/2021/VB)

Lunedì | 08 novembre 2021

Il caso riguarda il modo in cui il Parlamento europeo ha trattato due domande di tirocinio presentate da una persona che, in quanto dislessica, aveva richiesto l’applicazione di condizioni speciali nel contesto delle sue domande di tirocinio.

Dopo aver inizialmente respinto la domanda del denunciante, il Parlamento ha deciso di invitarlo per un colloquio e gli ha offerto un tirocinio. Poiché il denunciante è stato a lungo assente durante il tirocinio per motivi di salute, il Parlamento gli ha offerto la possibilità di presentare una nuova domanda che, tuttavia, il Parlamento ha successivamente respinto.

Il denunciante ha contestato il modo in cui il Parlamento ha gestito le sue domande di tirocinio e in cui lo ha informato della possibilità di presentare una nuova domanda.

La Mediatrice ritiene che, per quanto riguarda la possibilità di presentare domanda per un secondo tirocinio, il Parlamento avrebbe dovuto essere più chiaro nella comunicazione con il denunciante. Tuttavia, la Mediatrice non riscontra cattiva amministrazione nel modo in cui il Parlamento ha trattato le domande di tirocinio del denunciante. Analogamente, il fatto che il Parlamento valuti caso per caso le richieste di condizioni speciali presentate dai candidati per un tirocinio è un approccio ragionevole.

La Mediatrice suggerisce al Parlamento di migliorare il modo in cui informa i candidati ai tirocini della possibilità di richiedere assistenza speciale durante la fase di presentazione della candidatura e la procedura selezione e al modo in cui essi debbano presentare tale richiesta.