• Presentare una denuncia
  • Richiesta d'informazioni
60th Rome Treaty anniversaryLa tua Europa - Il portale di accesso ai servizi pubblici europei e nazionali on-line

Consultazione pubblica sul progetto di dichiarazione dei principi che disciplinano il servizio pubblico per i funzionari dell’Unione

Lingue disponibili :  bg.es.cs.da.de.et.el.en.fr.ga.it.lv.lt.hu.mt.nl.pl.pt.ro.sk.sl.fi.sv

24 febbraio 2011

Questa consultazione pubblica è stata chiusa.

Introduzione

Il Mediatore europeo conduce indagini sulle denunce relative a casi di cattiva amministrazione nelle attività delle istituzioni dell'Unione europea[1]. La sua esperienza nella gestione delle denunce e i suoi contatti con le istituzioni e il loro personale, con i cittadini e le organizzazioni della società civile lo hanno indotto a concludere che una dichiarazione semplice e concisa dei principi che disciplinano il servizio pubblico per i funzionari dell’Unione sarebbe utile sia per i funzionari stessi sia per il pubblico[2].

Il Mediatore ha elaborato un progetto di tale dichiarazione, sul quale invita a presentare osservazioni.

Il progetto mira a prendere in considerazione tra l’altro le migliori prassi esistenti negli Stati membri. Al fine di favorire il perseguimento di questo obiettivo, prima di elaborare il progetto il Mediatore europeo ha consultato i difensori civici nazionali della rete europea dei difensori civici. Il documento di consultazione inviato ai difensori civici nazionali e la relazione sulle loro risposte sono disponibili come documenti di lavoro.

Motivi della proposta di dichiarazione dei principi che disciplinano il servizio pubblico

Le finalità enunciate nella dichiarazione della missione istituzionale del Mediatore europeo comprendono tra l’altro «la costruzione della fiducia attraverso il dialogo tra cittadini e Unione europea ea favorire i più elevati standard di condotta nelle istituzioni dell'Unione.»

Il Mediatore mira altresì a incidere positivamente sulla cultura amministrativa delle istituzioni dell’UE (cfr. Strategia per il mandato).

La dichiarazione è stata elaborata con l’obiettivo di enunciare chiaramente alcuni valori fondamentali che devono ispirare il comportamento dei funzionari dell’UE. Definendo chiaramente questi valori la dichiarazione mira a promuovere la fiducia dei cittadini nella pubblica amministrazione europea e nelle istituzioni dell’UE che essa serve.

Il progetto di dichiarazione è volto a integrare gli strumenti già esistenti, tra cui lo Statuto dei funzionari, il regolamento finanziario e il Codice europeo di buona condotta amministrativa, che contengono regole e principi generali che disciplinano il comportamento dei funzionari pubblici. La dichiarazione aiuterà i funzionari a mettere a fuoco lo spirito con cui applicare le norme interne dettagliate delle istituzioni dell’UE che disciplinano aspetti quali l’accettazione di doni e i conflitti di interessi. Essa promuoverà in tal modo la buona amministrazione e renderà la cattiva amministrazione meno frequente.

La consultazione pubblica

Le organizzazioni e singoli cittadini sono invitati a presentare osservazioni sul progetto di dichiarazione dei principi che disciplinano il servizio pubblico.

Il Mediatore informerà per iscritto le istituzioni e gli organismi dell’UE menzionati nell’articolo 13 del trattato sull’Unione europea e la rete dei direttori delle agenzie dell’UE circa lo svolgimento della consultazione pubblica.

Tutte le osservazioni pervenute entro il termine stabilito saranno tenute in considerazione nella stesura definitiva, da parte del Mediatore europeo, della dichiarazione dei principi che disciplinano il servizio pubblico per i funzionari.

Come tutte le istituzioni dell’UE il Mediatore è tenuto a lavorare nel modo più aperto possibile; inoltre la definizione della sua missione istituzionale incoraggia la trasparenza. Sul sito web del Mediatore europeo sarà pubblicato un elenco delle persone e delle organizzazioni che hanno inviato le osservazioni e, a richiesta, anche le osservazioni stesse saranno accessibili al pubblico.

Le persone che non desiderano che il loro nome e/o le loro osservazioni siano pubblicati, sono invitate a specificarne i motivi all'atto dell'invio.

Come contribuire

Le osservazioni devono essere inviate al Mediatore entro il 15 maggio giugno 2011

● per lettera, all'indirizzo: Mediatore europeo, 1 avenue du Président Robert Schuman, CS 30403, F - 67001 Strasbourg Cedex, Francia;

● per fax, al numero: +33 (0)3 88 17 90 62;

● per e-mail, dal sito: http://www.ombudsman.europa.eu/shortcuts/contacts.faces



 

 

 

Progetto per la consultazione pubblica

Principi del servizio pubblico che dovrebbero ispirare i funzionari dell’UE*

Impegno verso l’Unione europea e i suoi cittadini

I funzionari sono consapevoli che le istituzioni dell’Unione esistono per servire gli interessi dell’Unione e dei suoi cittadini.

Le loro raccomandazioni e decisioni sono elaborate al solo e unico scopo di servire questi interessi.

I funzionari svolgono le loro funzioni al meglio delle loro capacità e con il proposito di essere un buon esempio per gli altri.

Integrità

I funzionari si comportano sempre in modo tale da poter sostenere il più rigoroso esame pubblico. Per assolvere a tale obbligo non é sufficiente comportarsi semplicemente secondo la legge.

I funzionari non assumono obblighi finanziari o di altra natura che potrebbero ripercuotersi sullo svolgimento delle loro funzioni e dichiarano eventuali interessi privati connessi alle loro funzioni.

I funzionari si adoperano per evitare i conflitti di interesse e il loro insorgere. Tale obbligo perdura anche dopo la fine del loro incarico.

I funzionari che richiedono il rimborso di spese e indennità s'ispirano a un principio di ragionevolezza e non all'intento di massimizzare i propri benefici.

Obiettività

I funzionari assumono un atteggiamento aperto, basato sulla concretezza e incline all'ascolto di punti di vista differenti. Sono pronti a riconoscere e correggere gli errori.

I funzionari nel procedere a valutazioni comparative basano le proprie raccomandazioni e decisioni unicamente sul merito e su ogni altro fattore espressamente previsto dalla legge.

I funzionari non consentono che simpatie e antipatie personali influenzino il proprio comportamento professionale.

Rispetto per gli altri

I funzionari agiscono nel rispetto reciproco e dei cittadini. Sono educati, disponibili e cooperativi.

Trasparenza

I funzionari sono pronti a spiegare le proprie iniziative e motivare il proprio operato. Sono aperti all'esame pubblico della loro condotta e del rispetto dei principi del servizio pubblico.



[1] Il termine «istituzione» è utilizzato in questa sede per indicare in modo abbreviato quelle che sono note formalmente nel linguaggio dell’UE come «istituzioni, organi e organismi».

[2] Il termine «funzionario» si riferisce al personale delle istituzioni dell’UE. La definizione formale nel linguaggio dell’UE é «funzionari e altri agenti».

* Il termine «funzionario» si riferisce al personale delle istituzioni, degli organi e organismi dell’UE. La definizione formale nel linguaggio dell’UE è «funzionari e altri agenti».