• Presentare una denuncia
  • Richiesta d'informazioni
60th Rome Treaty anniversaryLa tua Europa - Il portale di accesso ai servizi pubblici europei e nazionali on-line

Sintesi della decisione nel caso 1086/2017/PMC sull’interpretazione giuridica della Commissione europea del periodo di un anno per la raccolta delle firme a sostegno di un’iniziativa dei cittadini europei

Lingue disponibili :  bg.es.cs.da.de.et.el.en.fr.ga.hr.it.lv.lt.hu.mt.nl.pl.pt.ro.sk.sl.fi.sv
  • Caso :  1086/2017/PMC
    Aperto(a) il 4-ott-2017 - Decisione del 4-ott-2017
  • Istituzione(i) interessata(e) :  Commissione europea

La questione, in questo caso, riguardava quando ha inizio esattamente il periodo di un anno per la raccolta di firme a sostegno di un’iniziativa dei cittadini europei. La Commissione europea ritiene che il periodo inizi a decorrere dalla data di registrazione di un’iniziativa dei cittadini europei.

I denuncianti hanno spiegato che questo approccio aveva causato loro degli svantaggi, sostenendo che il periodo può avere inizio dopo la data di registrazione.

La Mediatrice ha esaminato la questione e ha constatato che, allo stato attuale del diritto, la Commissione era giustificata nel ritenere che il periodo di un anno per la raccolta di firme abbia inizio alla data di registrazione di un’iniziativa dei cittadini europei. La Mediatrice, pertanto, non ha riscontrato alcun caso di cattiva amministrazione a carico della Commissione.

Tuttavia, la Mediatrice si compiace nel constatare che la recente proposta della Commissione di modifica del regolamento riguardante l’iniziativa dei cittadini europei include una proposta intesa ad autorizzare (entro determinati limiti) gli organizzatori di un’iniziativa dei cittadini europei a scegliere la data di inizio per la raccolta delle firme.

Tale proposta affronta in modo adeguato il problema sistemico che sottende questa denuncia.