• Lodge a complaint
  • Request for information
60th Rome Treaty anniversaryYour Europe - The portal to on-line European and national public services

Sperimentazioni inutili sugli animali da parte di dichiaranti di sostanze chimiche

Available languages: bg.es.cs.da.de.et.el.en.fr.ga.hr.it.lv.lt.hu.mt.nl.pl.pt.ro.sk.sl.fi.sv
  • Case: 1568/2012/AN
    Opened on 19 Sep 2012 - Decision on 11 Dec 2014
  • Institution(s) concerned: European Chemicals Agency
  • Field(s) of law: Industrial policy and internal market
  • Types of maladministration alleged – (i) breach of, or (ii) breach of duties relating to: Lawfulness (incorrect application of substantive and/or procedural rules) [Article 4 ECGAB]
  • Subject matter(s): Institutional and policy matters
Unnecessary tests on animals by registrants of chemical substances
Author: Stocklib
Copyright: Stocklib ©

Sintesi della decisione relativa alla denuncia 1568/2012/(FOR)AN contro l’Agenzia europea per le sostanze chimiche

Il caso, proposto dalla fondazione PETA Foundation, riguardava l’ambito di applicazione dei poteri e degli obblighi dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ai sensi del regolamento REACH. Il denunciante riteneva che l’ECHA non si adoperasse abbastanza per garantire che i dichiaranti di sostanze chimiche si astenessero dall’effettuare inutili sperimentazioni sugli animali per dimostrare la sicurezza delle loro sostanze.

La Mediatrice esaminava il caso e riscontrava che, in effetti, l’interpretazione dell’ECHA in merito ai propri obblighi fosse eccessivamente restrittiva. La Mediatrice pertanto trasmetteva all’ECHA una proposta di soluzione amichevole riguardante il suo ruolo oltre che la cooperazione che avrebbe dovuto intrecciare con le autorità degli Stati membri. La Mediatrice, ritenendosi soddisfatta della risposta dell’ECHA, archiviava il caso.